martedì 23 agosto 2016

                                              Comunicato Stampa
               Celebrazione del 54° anniversario del Movimento Gaetano Salvemini
Patrocinio morale dell’Unione Mondiale degli Stati, dell’Unione Italiana Associazioni Culturali, del periodico “L’Attualità” e della Scuola di Giornalismo “Gaetano Salvemini”.
Mercoledì 19 ottobre 2016 (ore 17,30), presso la Sala-conferenze della Lega Italiana Diritti dell’Uomo (Onlus), piazza di Ara Coeli 12, Roma, sarà presentato il libro del Prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini
                                     DIRITTI  UMANI  VIOLATI
                                    (Edizioni Movimento Salvemini)
per celebrare il 54° anniversario della fondazione del Movimento Gaetano Salvemini.
Relatori: On. Dott. Alfredo Arpaia (Presidente della L.I.D.U.), Prof. Giorgio Bosco (Ambasciatore e Presidente onorario dell’Unione Italiana Associazioni Culturali), Gen. Dott. Raffaele Vacca (Editorialista “L’Attualità”), Dott. Riccardo Noury (Amnesty International).
Introduce e modera: Dott. Antonio Bartalotta (Direttore matchnews.it).
Tra gli Ospiti d’onore è prevista la partecipazione di: S.E. Sen. Pietro Fratantaro (Governatore dell’Unione Mondiale degli Stati), Sen. Gen. Stefano Murace (Ministro dell’Unione Mondiale degli Stati), Gen. Dott. Rocco Panunzi (presidente U.N.U.C.I.), Sen. Prof. Giuseppe Canale (U.M.S.), Prof. Flora Battiloro (Presidente Caffè dell’Artista di Salerno), Dott. Salvatore Veltri (Direttore attualita.it), Dott. Liana Botticelli (Direttrice artistica “Maggio Uniacense”), Prof. Maria Mantello (Presidente Ass. Giordano Bruno), Dott. Bice Previtera (neurologo), Dott. Mario Dino Cozza (giornalista), Prof. Pierluigi Lando (Psichiatra), Prof. Carlo Iovine (neurologo), Comm. Giovanni Maggi (Presidente Accademia Internazionale “Città di Roma”), Prof. Liliana Speranza (Doc. Univ. e giornalista), Prof. Ferruccio Ciavatta (Editorialista L’Attualità), Dott. Filippo Chillemi (Direttore Nuova Impronta), Sen. Prof. Albano Laporta (poeta-pittore), Dott. Lucilla Petrelli (giornalista), Prof. Aurora Simone Massimi (Docente universitaria), Marcella Croce de Grandis (soprano), Dott. Virgilio Violo (Presidente Free Lance International Press), Dott. Leonardo Zonno (pubblicista), Avv. Alberto De Marco (poeta, Presidente Ass. Amici di Totò), Emiliano F. Caruso (pubblicista), Dott. Francesco Manca (Presidente Ass. “Prometeo”), Dott. Nico Valerio (Presidente “Nuovo Rinascimento”), Vincenzo Maio (giornalista-fotoreporter), Dott. Marcello Ciabatti (giornalista televisivo), Prof. Alessandro Massimi (pubblicista), Licia Falcone (soprano), Dott. Gian Federico Brocco (pubblicista), Elena Andreoli (poetessa), (Dott. Mario Coletti (sociologo), Avv. Sergio Scalia (pubblicista), Dott. Paolo Macali (vicedirettore L’Attualità), Dott. Massimo Nardi (giornalista), Avv. Carmen Galoppo (pubblicista), Dott. Silvia Iovine (pubblicista), Dott. Lisa Biasci (pubblicista), Dott. Adalgisa Biondi (pubblicista), Marina Giudicissi (pubblicista), Cristina Di Maio (pubblicista), Dott. Luisa Pistacchio (operatrice televisiva), Dott. Francesco Cortese (p. pubblicista)  ………………………..                                      e numerose altre personalità.
I Soci ed i simpatizzanti del Movimento Salvemini, i Dirigenti dell’Unione Italiana Associazioni Culturali e i lettori de “L’Attualità” sono invitati a partecipare alla conferenza ed al successivo dibattito. Ingresso libero.
 Roma, 1° settembre 2016.                    Il Consiglio Direttivo del Movimento Salvemini

                                                       e-mail: lattualita@yahoo.it                cell. 3470333846
                                                    Comunicato  Stampa
                Meno intrattenimenti frivoli in TV e più informazioni pluraliste e veritiere.
Il Movimento Salvemini denuncia le gravi responsabilità dei gestori delle reti televisive (pubbliche e private) in merito alla messa in onda di programmi-trash che non solo fanno rimbecillire i teleutenti ma anche diseducano i giovani (specialmente minorenni) inducendoli comportamenti violenti ed a linguaggi blasfemi.
La Rai-TV è maggiormente responsabile rispetto alle altre emittenti in quanto è un’azienda pubblica e, come tale, ha il dovere giuridico-morale di svolgere una funzione altamente pedagogica.
Lo spazio concesso a spettacoli ridanciani e frivoli è enormemente più ampio di quello concesso a rubriche di approfondimento sulle attuali problematiche sociali e politiche. Se ciò è dovuto alla necessità di “fare cassa”, vengono tradite le finalità culturali e divulgative di un ente pubblico.
Il Movimento Salvemini, pertanto, rivolge un vibrante appello alla Commissione Parlamentare di Vigilanza sulla RAI e all’AgCom  affinchè intervengano per adottare opportuni provvedimenti.

24 agosto 2016.                                         Il Consiglio Direttivo

Comunicato Stampa

                                                  Comunicato  Stampa
                                   Un’azienda pubblica usurpata da enti privati.
Rai 1, rubrica “La vita in diretta”, ha mandato in onda il 12 agosto 2016 le immagini di un buffet organizzato in un appartamento privato romano. Bene hanno fatto i dirigenti di Rai 1 a divulgare la notizia di una riunione privata tra amici. Però, farebbero bene anche a informare i teleutenti sull’evento organizzato per il 19 ottobre p.v. dal Movimento Salvemini per celebrare il 54° anniversario della sua fondazione, con la presentazione del libro del Prof. Cosmo G. Sallustio Salvemini “Diritti Umani Violati” presso la Sede della Lega Italiana Diritti dell’Uomo, piazza Ara Coeli 12, Roma, con la partecipazione dell’On. Dott. Alfredo Arpaia (Presidente L.I.D.U.), del Prof. Giorgio Bosco (Ambasciatore), del Gen. Raffaele Vacca, del Dott. Riccardo Noury (Amnesty International) e di numerose altre personalità.
Invieremo via e-mail nei prossimi giorni il programma dell’evento al Dott. Campo Dall’Orto, Direttore Generale Rai, con esplicito invito a far inviare una troupe televisiva per informare i teleutenti di un’azienda pubblica che ha l’obbligo di svolgere un servizio pubblico.
La TV pubblica, che incassa denaro dal canone degli utenti oltreché dagli spot pubblicitari, dovrebbe dedicare meno spazio agli intrattenimenti ridanciani e frivoli e più spazio alle informazioni pluraliste e veritiere.
Emaneremo un altro comunicato-stampa dopo il 19 ottobre per commentare le decisioni che verranno prese dal predetto Direttore Generale.

22 agosto 2016.                     Il Consiglio Direttivo del Movimento Salvemini

sabato 30 luglio 2016

Comunicato stampa

                                                   Comunicato  Stampa
La conferenza tenuta dal prof. Sallustio Salvemini il 22 giugno u.s. a Firenze presso la Libreria Salvemini, in merito al referendum sulla riforma della Costituzione previsto nel mese di ottobre 2016, è stata inserita su You Tube nella voce “Cosmo G. Sallustio Salvemini alla libreria Salvemini”. Nel corso della conferenza sono state illustrate in sintesi le tesi contenute nei suoi recenti libri “Informazione manipolata dalle lobby”, Democrazia degenerata”, “La Repubblica va rifondata sulla random-crazia” e “Canaglie e Galantuomini”. I lettori di questo sito sono invitati a manifestare le proprie opinioni alla e-mail lattualita@yahoo.it

26 luglio 2016                     Il Consiglio Direttivo del Movimento Salvemini

Comunicato stampa


N.B. la sponsorizzazione delle pagine del libro suddetto può essere effettuata 
entro il 31 agosto 2016.

Lo tsunami 5 Stelle travolge i cacciatori di poltrone



E' lecito espellere i dissidenti del M5S?


Indagati i fratelli Pizza ed altri faccendieri che "aggiustavano" i processi giudiziari.


Lodevole iniziativa del Governo tedesco a favore delle famiglie.


I corrotti impediscono lo sviluppo economico del Sud


Le regioni del Sud devastate dalle canaglie


Mattarellum, Consultellum, Italicum, Bersanellum: meccanismi elettorali nel caos.


La politica italiana è caotica per colpa di meccanismi elettorali fondati sul mercato delle poltrone.


L'uso incontrollato delle armi genera violenze



Brogli elettorali anche in Austria. Sono il tallone di Achille della democrazia elettoralistica